CONSULENZE OPERATORIE

Consulenze del dott Bosco

ATTENZIONE - questa area del sito è dedicata a PROFESSIONISTI.
Le immagini qui contenute potrebbero non essere adatte ad un pubblico impressionabile.


 Il dott. Alessio Bosco ha curato il suo perfezionamento in parodontologia ed implantologia, culminato nel 2001 e 2003 con la frequentazione di due corsi annuali nello studio del dott. Carlo Tinti, chirurgo di fama mondiale, opinion leader nelle tecniche rigenerative.

Grazie a questo iter di studi il dott Bosco è in grado con tranquillità e predicibilità di fronteggiare casi di implantologia avanzata e rigenerativa sui denti naturali. Offre quindi da anni consulenza a colleghi, generalmnente affiancandoli nei casi più complessi.

Quando è necessario un aumento di volume osseo, la GBR, tra le altre tecniche di aumento, si distingue per la sua veramente minima invasività. Il paziente che riceve, ad esempio, a destra un' implantologia tradizionale e a sinistra un' implantologia con rigenerazione ossea con membrana, difficilmente averte differenza nel post operatorio! Ben diversamente avviene con gli innesti ossei, anche se da prelievo intraorale. 

Il dott. Bosco offre consulenza a colleghi, sia nella sala operatoria del proprio studio in Sanremo, sia presso i loro studi (attualmnente ad Albenga, Finale, Savona, Genova, Zelo Buon Persico, Lissone, Bergamo), per le seguenti tecniche:

-- Implantologia in presenza di difetti ossei
-- Implantologia in creste atrofiche
-- Grande rialzo del seno mascellare
-- Protesi a carico immediato
-- Chirurgia parodontale rigenerativa
-- Chirurgia parodontale resettiva
-- Chirurgia parodontale preprotesica, con particolare attenzione all' estetica e alla simmetria delle parabole gengivali.
-- Copertura radicolare

domande frequenti

ATTENZIONE - questa area del sito è dedicata a PROFESSIONISTI.
Le immagini qui contenute potrebbero non essere adatte ad un pubblico impressionabile.


D: Come si organizza la tua consulenza?
R: Si discute assieme il caso guardando una OPT, anche comunicando via internet, per una diagnosi approssimata sulle possibilità. Quindi si visita assieme il paziente, che a quel punto ha già fatto esami ulteriori (ad esempio una TAC), e si discutono possibilità di trattamento.
L' intervento può essere organizzato presso il tuo studio, o può essergli proposto un viaggio nel mio, ospitandolo in un albergo convenzionato per un weekend.

D: Come faccio a capire quando è un caso fattibile e quando il rischio di insuccesso è eccessivo?
R: Nella chirurgia avanzata la diagnosi è la parte più importante e che necessita più esperienza. Non si possono fare promesse che non riusciamo ad esaudire e non possiamo esporre il nostro paziente ad un rischio non calcolato. Generalmente è auspicabile operare con almeno il 90% di possibilità di successo. Per questa ragione il paziente candidato deve essere visitato assieme, con tutti gli esami necessari

D: L' attrezzatura devo comprarla io o la porti tu?
R: In caso di consulenze "occasionali" generalmente organizzo l' intero teatro chirurgico. Nei luoghi di consulenza abituale il monouso (telini sterili per coprire pazienti e carrelli) viene fornito dallo studio.

D: Hai bisogno di assistente addestrata?
R: Generalmente un'assistente qualsiasi è in grado di aiutare benissimo. Nel caso posso portare la mia ferrista.

D: Che tipo di preparazione del paziente è necessaria?
R: Il paziente chirurgico deve essere sempre un buon pulitore e deve essere motivato a seguire le istruzioni. In determinati casi, come la rigenerativa sui denti naturali e la parodontologia, la capacità di controllo di placca domiciliare fa la differenza,e può essere uno dei problemi meno semplici da gestire. Generalmente mi rapporto con che segue l' igiene negli studi, per ottimizzare il risultato. Ho preparato questo protocollo di base per la gestione del paziente chirurgico e parodontale. 

D: Posso mettere io gli impianti?
R: Ovviamente sì. Nella maggior parte degli studi in cui collaboro il titolare mette gli impianti nei casi più sicuri, lasciando a me le situazioni che necessitano di rigenerativa o di particolare attenzione estetica. L' estetica oggi è il problema maggiore nell'implantologia, specie nei pazienti che sorridono scoprendo tanto la gengiva ed hanno importanti perdite ossee verticali. Nei siti di rigenerazione, se l' impianto viene messo contemporaneamente all' innesto, preferisco metterli io direttamente.

D: La protesi come la faccio?
R: La protesi implantare è assoluatmente simile a quella su denti naturali, specie se si sceglie la tecnica cementata, che personalmente suggerisco e prediligo. A richiesta del titolare posso portare il paziente fino alla fase provvisoria, per poter gestire personalmente ogni problematica estetica e igienica correlata agli impianti (papille...spazi neri....).

D: Per il toronto immediato come ci si organizza?
R: Dipende dalle esperienze del titolare dello studio. Posso limitarmi al posizionamento degli impianti secondo progetto e mascherina chirurgica, come seguire il paziente fino all' avvitamento alla sera.

D: Per la rimozione delle suture come si fa?
R: Tranne nei casi più complessi, la rimozione delle suture è un'operazione semplice che può essere fatta direttamente dal titolare dello studio in cui opero. Ogni caso può essere organizzato diversamente.

D: Se ci sono dei problemi?
R: Ovviamente vista l' importanza dell' atto chirurgico, offro la massima disponibilità. L'approccio anche nei casi più avanzati è tutt'altro che traumatico e l' incidenza di problemi nei giorni successivi è trascurabile, paragonabile ad un estrazione di dente incluso. (forse meno),

D: Come ci si regola con onorari e fatturazione?
R: Contattando la Giorgia (0184 530798) o mandandole un'email, riceverete informazioni riguardo gli onorari nelle varie tecniche se eseguite nel vostro studio. La fattura la devo fare allo studio che ospita. Direttamente al paziente in caso di interventi effettuati nello STUDIO in corso Mombello, a Sanremo.

Casi clinici avanzati